Blog

Google,  il più grande colosso di pubblicità digitale del mondo, sta per  ridimensionare un metodo che ha consentito di rivoluzionare per sempre il marketing e le vendite: sapere quello che le persone vogliono per riuscire a offrirglielo.

Nei prossimi mesi Google ridurrà la sua capacità di tracciare gli utenti sul web per personalizzare le pubblicità.

Si tratta di un vero passo avanti in omaggio alle crescenti preoccupazioni degli utenti riguardo alla loro privacy.

Ma come funziona il tracciamento dati online? Ed è davvero pericoloso per la privacy?

Cerchiamo di spiegarlo in parole semplici.

Molti utenti sono spaventati dai continui tracciamenti di Google e hanno paura che tutte queste informazioni raccolte possano ledere la loro privacy.

Ma sono davvero fondate queste preoccupazioni?

Permettere ai siti di tracciare il nostro comportamento online, in realtà, può essere considerate una buona pratica da un certo punto di vista.

Google facilita infatti il nostro lavoro, selezionando già per noi gli argomenti di interesse, evitando invece di mostrarci ciò che non rientra nelle nostre passioni.

Grazie alle informazioni raccolte con le attività online, Google può studiare su misura gli annunci più adatti ad ogni utente e mostrarti quelli che più rispondono alle tue preferenze e alle tue ricerche passate.

Ad esempio, a uno studente fresco di laurea, Google proporrà inserzioni di offerte di lavoro o master per specializzarsi.

Ma come funziona il tracciamento dati online?

Ogni volta che fai una ricerca su Google, il motore di ricerca raccoglie le informazioni sulle nostre attività e le salva nell’apposita sezione Ads Settings.

Tra le informazioni sfruttate per migliorare i propri servizi, Google fa uso di nome, indirizzo email, sesso, numero di telefono, paese di origine e posizione. Registra inoltre quali video guardi su YouTube, da quale device effettui le tue ricerche, gli annunci che ti interessano e su quali hai fatto click. Vengono registrate poi altre informazioni, come le email inviate o gli eventi salvati sul tuo calendario Google.

Tutte queste informazioni, conosciute con il nome di “cookie”, sono molto importanti per garantirti un servizio completo e personalizzato.

Quando navighi per la prima volta su un sito, questo ti chiederà se può salvare i tuoi cookie, ovvero se può registrare e salvare le azioni che hai compiuto sul sito.

A che cosa servono esattamente i famosi cookie?

  • Attraverso i cookie si può tracciare l’attività online di un utente: conoscere quali siti visita e per quanto tempo, mantenere attivi i login nelle sessioni, ricordare la lingua di visualizzazione selezionata o altre personalizzazioni.
  • Non sarai bombardato sempre dalla stessa pubblicità.
  • Le tue visite online saranno più sicure grazie ai servizi di protezione e sicurezza.

Se tutte queste informazioni vengono messe a disposizione di chi si occupa di digital marketing è facile comprendere che cosa cerca un utente, a cosa è interessato, per poi andare a proporre la propria inserzione.

Come già detto in precedenza, il servizio di per sé può essere anche visto di buon occhio, perché ovviamente le pubblicità personalizzate possono andare a favorire la ricerca del prodotto che realmente il consumatore/utente sta cercando.

Ma è ancora argomento attuale come questo vada a mettere in seria difficoltà la tutela della privacy degli utenti. A questo, forse, Google sembra aver trovato una soluzione.

Rivoluzione di Google: una raccolta dati conforme alla privacy

In risposta alla crescenti preoccupazioni per la privacy, Google ha confermato che nel breve futuro ridimensionerà la propria capacità di profilazione dell’utente.

Nei prossimi mesi ci si attendono, dunque, due grandi novità:

  • Verrà rimosso da Google Chrome il supporto per i cookie di terze parti e quindi si dirà addio alle tecnologie che seguendo gli utenti nella loro navigazione web, consentono di avere un profilo molto più preciso di chi sta navigando.
  • Google ha trovato un nuovo metodo per rinunciare al tracciamento pubblicitario senza perdere soldi dagli investimenti pubblicitari.

Conoscevi già questa novità? Seguici per restare sempre aggiornato sull’interessante quanto sconfinato mondo del web.

Tag

Categorie

Blog & Copywriting

Ultimi post

Elena di maggio

Elena di maggio

DIGITAL MARKETING JUNIOR
Linguista e traduttrice nel settore turistico e commerciale, ama le sfide e le novità, soprattutto in campo tecnologico, dove non si finisce mai di scoprire e imparare.

Il suo motto è “Vek zhivi, vek uchis’”, che dal russo significa “Vivi un secolo, studia un secolo”.

Linkedin

Condividi l’articolo!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Contattaci per una consulenza e tante idee nuove su come coinvolgere i tuoi followers!
Diseo Agency è un’agenzia di marketing e comunicazione con sede a Firenze.
Ci occupiamo di: creazione siti web, gestione social media, campagne sponsorizzate, grafiche, blog & copywriting, influencer marketing ed eventi. L’agenzia marketing fiorentina che ti segue davvero da vicino, con servizi di digital marketing su misura per te!

Articoli correlati