Cos’è e come funziona Google Lens

Blog

Cerca
come funziona Google Lens

Google Lens è ora utilizzato per 10 miliardi di ricerche visive al mese.
Ciò segue gli 8 miliardi annunciati al Google I/O a maggio 2023 e i 3 miliardi annunciati a giugno dell’anno precedente.
Sebbene questo volume sia a miglia di distanza dalle oltre 2 trilioni di ricerche annuali di Google, convalida la crescita e amplia i casi d’uso per la ricerca visiva.

Lanciato inizialmente con modalità d’uso focalizzate sull’identificazione di animali domestici e fiori, la vera svolta di Google Lens sono le ricerche monetizzabili come i prodotti acquistabili.

Google Lens: cerca ciò che vedi

Partiamo dall’inizio, cos’è Google Lens?
È disponibile da tempo sui dispositivi mobili, accessibile tramite le app mobili di Google su dispositivi iOS o l’app fotocamera nativa su molti telefoni Android.
È l’app di ricerca visiva di Google, il che significa che puoi puntare il telefono verso gli oggetti per identificarli.
Google chiama questo tool “cerca ciò che vedi”, diciamo che è una sorta di funzione CTRL + F – la scorciatoia da tastiera per le ricerche di parole chiave sulla pagina – per il mondo fisico.

Rispetto agli albori ora è possibile utilizzare Google Lens per inquadrare un QR code o diventa una risorsa molto utile per trovare il prezzo di oggetti e articoli: se ad esempio vi trovate ad un mercatino e avete un dubbio su una poltrona che vi ricorda un prodotto di design vi basterà inquadrarla con l’app e vi dirà di che si tratta, aggiungendo anche i prezzi di ciò che si trova online.
Proprio come sembra, questo applica una buona dose di intelligenza artificiale e visione artificiale. E sebbene Google abbia ricevuto molte critiche per essere in ritardo con l’intelligenza artificiale, è stato per anni in tutta la tecnologia sottostante, incluso il suo lavoro con Tensor e transformer (la “T” in Chat GPT).

Nel frattempo, Google non è solo nella ricerca visiva.
La sua competizione principale viene da altri due pilastri:

  • il primo è Pinterest Lens, uno strumento simile a Pinterest che ti consente di identificare gli oggetti del mondo reale e appuntarli;
  • il secondo è lo Scan di Snapchat che consente agli utenti di Snapchat di identificare elementi come una canzone, fare acquisti, risolvere un problema di matematica e altro ancora

La differenza tra tutti questi attori risale ai loro prodotti principali e alle missioni aziendali.
Ad esempio, Google lavorerà per “tutte le informazioni del mondo” mentre altri si concentreranno su cose come cibo e stile (Pinterest) e divertimento e moda (Snapchat).
La parte che riguarda e che interessa le aziende sono le ricerche visive monetizzabili che si riducono a oggetti “acquistabili”.

Ad esempio, un modo per utilizzare lo scan di Snapchat è “ispirazione per l’outfit”, mentre Google Lens offre la scoperta di attività commerciali locali.
Tutti questi casi attingono al fatto che i Millennial e la Gen Z hanno un’elevata affinità con la fotocamera come mezzo per interfacciarsi con il mondo.
Anche gli inserzionisti dei brand sono attratti dal marketing AR immersivo: ciò rende la ricerca visiva un modo in cui questi attori possono rendere le loro attività a prova di futuro.

Quali sono le potenzialità di Google Lens

I vari approcci delineati sopra sollevano la questione di quali tipi di prodotti spiccano nella ricerca visiva.
I primi segni indicano articoli con complessità visiva e brand poco chiaro (ad esempio la poltrona al mercatino dell’usato).
Ciò include articoli di stile (“chi fa quel vestito?”) e la trasparenza dei prezzi nelle impostazioni di vendita al dettaglio.

Il filo conduttore è lo shopping, Pinterest riferisce che:

  • l’85% dei consumatori desidera informazioni visive
  • il 55% afferma che la ricerca visiva è fondamentale per sviluppare il proprio stile
  • il 49% sviluppa relazioni con il brand
  • il 61% afferma che aumenta lo shopping in negozio

Un altro caso d’uso appropriato è la ricerca locale, come notato.

La ricerca visiva potrebbe essere il punto di partenza per ad esempio scoprire di più su un nuovo ristorante – o fare una prenotazione – puntando il telefono verso di esso.
Google ha pensato anche a questo con l’opzione “Multisearch Near Me”.
Ci stiamo rendendo conto che l’ecosistema Google è sempre più liquido, come ripetuto più volte da Giorgio Taverniti.
I nuovi strumenti, le app e le funzionalità che continuano ad evolvere e a migliorare in base all’esperienza degli utenti e ai feedback raccolti, sono frutto delle conoscenze di oltre 20 anni come motore di ricerca mondiale.
Per questo infatti abbiamo un set a nostra disposizione a seconda di quello che stiamo cercando, la nostra ricerca includerà in modo esaustivo i prodotti (Google Shopping), interesse generale (Google Immagini) e vetrine (Street View).
Google Lens è in continuo aggiornamento, al momento si sta focalizzando sui luoghi molto frequentati e sull’integrazione nella barra di ricerca di Google già presente in moltissimi smartphone.

Perché utilizzare Google Lens

Se non vi ho convinti finora, vi sottolineo che è possibile utilizzare Google Lens per cercare qualsiasi immagine online e identificare qualsiasi cosa sia raffigurata: qualsiasi cosa, da edifici e animali a vestiti, piante e opere d’arte.

Ma Google Lens si può usare solo come app?
No, da pc e desktop, Lens in Chrome offre la possibilità di cercare un’immagine, trovarne la fonte, vedere corrispondenze visive, ottenere il testo o una traduzione e altro ancora.

È un modo alternativo, più visivo, per apprendere ulteriori dettagli su un’immagine. Ad esempio, potete partire da un’immagine di cuffie per cercare ulteriori informazioni su dove acquistarle, sfogliare immagini con cuffie visivamente simili o trovare dove l’immagine viene utilizzata altrove.

Come funziona Google Lens su desktop

Quando Google Lens è arrivato per la prima volta su Chrome per desktop (nel 2021), se veniva utilizzato su un’immagine su un sito web, il browser apriva una pagina di risultati in una nuova scheda.

Nel maggio 2022, Google ha aggiornato la funzione in modo che mostrasse invece i risultati in un pannello dall’aspetto più moderno che si apre a destra della pagina/immagine che si sta visualizzando.

Solo quando l’utente desidera trovare la fonte di un’immagine, Chrome aprirà una nuova scheda del browser.

Ma resta possibile espandere l’esperienza in modo che si apra in una nuova scheda, per impostazione predefinita, sarà un pannello a destra dello schermo.

Come utilizzare Google Lens in Chrome sul desktop

Prima di iniziare: impostate Google come motore di ricerca predefinito e di aggiornate all’ultima versione di Chrome.

  • aprite una pagina in Chrome
  • fate clic con il tasto destro su un’immagine
  • nel menu, scegliete Cerca immagine con Google: i risultati della ricerca vengono visualizzati sul lato destro dello schermo. Potete fare clic sul pulsante di espansione nell’angolo per aprire i risultati in una nuova scheda.
  • Nota: se cliccate con il pulsante destro del mouse in qualsiasi punto al di fuori di un’immagine, dal menu si può scegliere “Cerca immagini con Google”. Dopo aver fatto clic su questa opzione, potete trascinare per selezionare un’immagine sulla pagina.

È semplicissimo! Per cominciare, se volete saperne di più su un’immagine che vi interessa o scoprire dove è stata utilizzata, fate clic con il pulsante destro del mouse su Chrome e il gioco è fatto.

Alice Zanfardino

Alice Zanfardino

COPYWRITER & CONTENT CREATOR
Curiosa ed entusiasta per natura, ama le parole, il cinema e il caffè.In perenne equilibrio tra la lucida razionalità della SEO e la creatività dello scrittore, ogni giorno racconta storie che danno voce a brand e aziende di ogni settore.

Linkedin

Condividi l’articolo!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Contattaci per una consulenza e tante idee nuove su come coinvolgere i tuoi followers!
Diseo Agency è un’agenzia di marketing e comunicazione con sede a Firenze.
Ci occupiamo di: creazione siti web, gestione social media, campagne sponsorizzate, grafiche, blog & copywriting, influencer marketing ed eventi. L’agenzia marketing fiorentina che ti segue davvero da vicino, con servizi di digital marketing su misura per te!

Articoli correlati