SEO trend 2024: quali sono le tendenze previste

Blog

Cerca
quali sono i trend SEO del 2024

La SEO è una delle discipline di marketing più giovani in circolazione ed è anche incredibilmente frenetica: chi lavora in questo campo deve essere costantemente aggiornato.
Anche se il principio fondamentale rimane lo stesso (la SEO consiste nel rendere i siti web facili da trovare e comprendere), le tattiche coinvolte sono molto diverse rispetto a quindici, cinque o anche solo un anno fa.
L’ingresso dell’intelligenza artificiale generativa nelle scene del marketing alla fine del 2023 ha fatto sì che le cose cambiassero ancora più velocemente per il nostro settore.

Quindi quali sono le tendenze SEO più importanti per il 2024 e come vanno implementate?

Trend SEO 1: esperienza generativa nella ricerca

SGE (Search Generative Experience) è l’esperimento di Google per fornire risposte generate dall’intelligenza artificiale in risposta alle query di ricerca.

Google ha annunciato il suo esperimento SGE nel maggio 2023 e non c’è motivo di dubitare che questo non sia qualcosa che rilascerà al pubblico in qualsiasi momento nel corso del 2024.
Google non vuole essere lasciato indietro nel gioco dell’intelligenza artificiale e la velocità con cui mette a punto il layout delle risposte dell’IA e è impressionante.
Tutto ciò rende abbastanza chiaro che la SGE è il futuro della ricerca

Trend SEO 2: strategie di contenuto incentrate sulle persone

Google ha lanciato il suo “aggiornamento dei contenuti utili” a settembre 2023, spingendo l’intera comunità SEO a chiedersi “che cosa sono esattamente i contenuti inutili?”.
Ci sono state molte definizioni vaghe fornite da Google e dai suoi rappresentanti, ma il punto è sempre lo stesso:

  • il contenuto utile è quello creato per le persone
  • i contenuti non utili sono quelli creati per i motori di ricerca.

Ed ecco che arriva la nuova era nella creazione di contenuti orientati alla SEO: invece di cercare di ottimizzare per le parole chiave, dobbiamo ottimizzare per i percorsi degli utenti.
Google ha abbandonato l’ottimizzazione delle parole chiave con corrispondenza esatta anni fa, ma il settore è piuttosto lento nel tenere il passo.

Google non utilizza più la stringa effettiva di parole digitate nella casella di ricerca ma esamina il contesto della query e analizza il possibile intento di ricerca per fornire risultati (per questo è anche in grado di correggere eventuali errori e proporre ricerche alternative): è infatti diventato molto bravo a comprendere le intenzioni di ricerca e i metodi di creazione di contenuti della vecchia scuola che si concentrano su una singola stringa di parole chiave non funzionano.

Altra cosa fondamentale: i SEO copywriter devono creare contenuti che risolvano i problemi.
Questo è ciò che Google cerca, così come i nostri potenziali clienti.

Come creare contenuti incentrati sulle persone

La semplice ricerca su Google per avere un’idea di come interpreta una query è un ottimo primo passo e può essere uno spunto per capire altri modi in cui Google sta cercando di risolvere il problema di fondo dell’utente.
Alcune query richiedono risposte come definizioni, domande frequenti ecc, altre necessitano di contenuti più specifici come passaggi chiari o istruzioni che fanno una cosa: aiutare con un problema particolare (come una tabella di confronto o una visualizzazione o un tutorial in stile WikiHow).
L’obiettivo della ricerca non è copiare tutto ciò che fanno i concorrenti di alto livello ma trovare ciò che Google ha reputato particolarmente utile per ogni query specifica.

È stato dimostrato che la User Experience qui ha un ruolo importante: Google vuole che i contenuti siano utili e che il sito web sia facile da usare, in modo che i suoi utenti siano soddisfatti. 

Trend SEO 3: E-E-A-T

E-E-A-T sta per Experience, Expertise, Authoritativeness e Trustworthiness (Esperienza, Competenza, Autorevolezza e Affidabilità) di un sito web e di un creatore di contenuti.
Il concetto non è nuovo ma è diventata una tendenza recentemente discussa perché quest’anno Google ha spinto sempre più il concetto di utilizzare l’esperienza e competenza uniche durante la creazione di contenuti. 
Perché? L’intelligenza artificiale generativa pone un altro problema al settore SEO: generare contenuti unici è diventato molto più semplice.
Bastano pochi minuti per utilizzare ChatGPT e Google si rende conto che i risultati di ricerca vengono inondati.

Il problema con i contenuti generati dall’intelligenza artificiale è che non sono veramente unici: gli strumenti di intelligenza artificiale utilizzano contenuti esistenti per creare nuovi articoli.
Questo è il motivo per cui Google sta cercando di capire come continuare a mettere in evidenza fonti originali, competenze uniche ed esperienze di prima mano.

Come utilizzare l’E-E-A-T per guidare la tua strategia di contenuti

Configurare il brand e gli autori associati come autorità attuali sarà ancora più importante in futuro.
Il sito dell’azienda deve diventare autorevole e avere una voce riconosciuta di cui Google è a conoscenza.

Alcuni esempi per diventare autori importanti nel proprio settore:

  • Scrivere pubblicazioni di nicchia affermate
  • Creare ricerche e studi originali
  • Diventare attivi sui social network (in particolare LinkedIn), creare una community coinvolta
  • Consolidare le colonne multiple e i profili social utilizzando strumenti come Linktree
  • Candidarsi per parlare a conferenze o eventi di nicchia
  • Ospitare webinar in azienda
  • Creare una pagina About dettagliata e di grande impatto evidenziando le competenze
  • Farsi includere negli elenchi dei “Migliori esperti” di nicchia
  • Puntare sulla comunicazione omnicanale e creare contenuti alternativi come newsletter, videocorsi etc

Trend SEO 4: SERP Marketing e diversificazione dei contenuti

All’interno di una pagina dei risultati di ricerca, vediamo:

  • Google.com/Suggerimenti di percorsi di ricerca
  • Google Knowledge Graph (che include mappe, recensioni degli utenti, fatti di base, ecc.)
  • Video correlati da YouTube (questo elemento di ricerca è interattivo perché è possibile scorrere il carosello per vedere più video)
  • Risultati People Also Asked (questa casella è anche interattiva: cliccando su qualsiasi domanda si possono leggere le risposte ed espandere le domande di follow-up. Illuminante una domanda su cui ci clicca determina l’argomento di ulteriori domande che verranno visualizzate)

È qui che risiede il concetto di “SERP marketing”: è necessario smettere di concentrarsi sugli elenchi organici e iniziare a ottimizzare tutti gli altri elementi di ricerca, inclusi video, immagini e sezioni di “risposta rapida” (“Le persone chiedono anche” e in primo piano).
È necessario considerare ogni pagina dei risultati di ricerca nel suo insieme per ottenere la visibilità del marchio a 360°.

Come dominare Google con la SERP Marketing

Ha molto a che fare con l'”ottimizzazione dei percorsi di ricerca” poiché stiamo esaminando l’intero concetto e tutte le domande correlate e i tipi di contenuti a cui gli utenti che effettuano ricerche potrebbero essere interessati.
Ma aggiunge anche una componente di diversificazione dei contenuti in cui ci assicuriamo di aggiungerne altri immagini, video, ecc. nel mix.

Impostare una strategia di collaborazione sui contenuti

La diversificazione dei contenuti comporta sia sfide che opportunità.
Da un lato, è necessario creare continuamente risorse di contenuto di qualità in vari formati, il che è incredibilmente difficile da scalare, dall’altro si possono sfruttare più mezzi e provare più strumenti e tattiche.

La collaborazione sui contenuti è una tattica che può risolvere molti problemi e potenziare il marketing con ulteriori vantaggi, inclusi backlink naturali, fiducia e condivisioni. E la buona notizia è che ci sono ottimi progetti che aiutano a creare contatti per co-creare contenuti e ampliarli.

Organizzare la strategia utilizzando un calendario editoriale

Per opportunità di collaborazione sui contenuti e co-marketing, vi consigliamo di prendere in considerazione l’utilizzo di una soluzione di calendario editoriale per aiutarvi a organizzare le campagne.
Per opportunità di collaborazione sui contenuti e co-marketing, vi consigliamo di prendere in considerazione l’utilizzo di una soluzione di calendario editoriale per aiutarvi a organizzare le campagne.

Creare una dashboard centrale affinché tutti i piani di contenuto siano visibili a tutto il team è la chiave per una strategia di contenuti coerente ed efficace.

In fin dei conti, la diversificazione dei contenuti è alla base del marketing omnicanale che presenta molteplici vantaggi (tra cui la compatibilità tra dispositivi, un’esperienza di acquisto più fluida, la creazione di più canali di marketing e altro ancora).

Alice Zanfardino

Alice Zanfardino

COPYWRITER & CONTENT CREATOR
Curiosa ed entusiasta per natura, ama le parole, il cinema e il caffè.In perenne equilibrio tra la lucida razionalità della SEO e la creatività dello scrittore, ogni giorno racconta storie che danno voce a brand e aziende di ogni settore.

Linkedin

Condividi l’articolo!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Contattaci per una consulenza e tante idee nuove su come coinvolgere i tuoi followers!
Diseo Agency è un’agenzia di marketing e comunicazione con sede a Firenze.
Ci occupiamo di: creazione siti web, gestione social media, campagne sponsorizzate, grafiche, blog & copywriting, influencer marketing ed eventi. L’agenzia marketing fiorentina che ti segue davvero da vicino, con servizi di digital marketing su misura per te!

Articoli correlati

che cosa sono le digital PR
Blog

Che cosa sono le digital PR?

Le Digital PR, abbreviazione di Digital Public Relations, sono una strategia promozionale online utilizzata da professionisti e aziende di marketing. Una strategia misurabile e concreta

Leggi l'articolo »